Trenta e lode

Il Nagoya Basho 2014 si e’ concluso ormai da alcuni giorni, regalandoci preziose conferme e interessanti novita’.
Purtroppo, una serie di impegni lavorativi ci ha impedito di seguire l’evoluzione del torneo su queste pagine, ma siamo fiduciosi nella comprensione dei nostri amici lettori e promettiamo di essere piu` presenti per il prossimo Aki Basho!
Possiamo comunque trarre alcune conclusioni generali su questa prima meta’ del 2014 sumesco.

Hakuho e’ il signore incontrastato del dohyo. Lo yokozuna domina con soverchiante superiorita’ su qualunque avversario e le sue rare sconfitte, piu` che veri passaggi a vuoto, sembrano sempre piu’ le concessioni di un imperatore benevolo, preoccupato di non apparire come un tiranno agli occhi del mondo. Hakuho ha ormai raggiunto lo storico traguardo dei 30 yusho e si appresta a frantumare i record dei leggendari yokozuna Chiyonofuji (31) e Taiho (32). Siamo di fronte ad un lottatore straordinario, capace di scrivere alcune delle pagine piu’ imporatnti della storia millenaria del sumo. Chapeau!

I due vice-yokozuna (permettetemi il termine) hanno disputato l’ennesimo torneo anonimo, incapaci financo di raccogliere le poche briciole elargite da Hakuho. Haruma e Kakuryu sono stati messi in ombra persino dagli ozeki e dal coraggioso Goeido e sembrano ormai tristemente rassegnati al ruolo di coprimari, privi di combattivita’ e di furore agonistico.

I giapponesi continuano a sognare, con nipponica ostinazione, una prossima palingenesi.
– Il prode Goeido ha disputato un 2014 prodigioso, conquistando 3 shukun-sho consecutivi e ben 32 vittorie (3 delle quali a scapito degli yokozuna). Malgrado la soglia delle 33 vittorie non sia stata raggiunta, la promozione ad ozeki dell’ex pupillo di Asashoryu e’ ormai certa. Si potrebbe obiettare che la regola delle 33 vittorie sembra misteriosamente aver poco valore quando si ha a che fare con lottatori giapponesi (vedi il precedente di Kisenosato), ma in questo caso la promozione e’ davvero meritata, soprattutto considerato che Goeido ha battuto con grande sicumera Hakuho e Kakuryu e che ha conquistato il secondo Jun-Yusho in 3 tornei.
– Kotoshogiku ha combattuto con grande vigore e determinazione e, malgrado i suoi conclamati limiti negli spostamenti laterali e la sua monotonicita’ tattica, ha comunque mantenuto vivo l’interesse del pubblico, lottando per la coppa fino al senshuraku, con un cuor di leone!
– Endo, infine, malgrado un inizio disastroso (1-4 nelle prime 5 giornate), e’ riuscito a conquistare un preziosissimo k-k e puo’ legittimamente aspirare ad una posizione di gran prestigio nel banzuke di settembre. Visti i pessimi risultati di Tochizan, dei komusubi, e dei magashira 1-3 (e la promozione di Goeido che lascera’ vacante un posto di sekiwake) e’ possibile che Endo si trovi fra i Sanyaku dopo soli 7 tornei fra i professionisti.

Il ritorno dalle ferie ci vedra’ quindi pronti a seguire la rincorsa di Hakuho al record assoluto di successi e (l’ennesimo) tentativo di riscossa nipponica! Buone vacanze e a presto!

4 Comments

  1. alf said:

    sontuoso riepilogo.mix di essenzialità e stringatezza.
    solo vorrei aggiungere un’elogio per toyonoshima che nn saprei proprio dire come,ma fra un pò ‘rischiamo’ di ritrovarcelo ancora tra i sanyaku..poi per altro mi pare si siano comportati abbastanza bene anche nelle retrovie i vari arawashi,chiyomaru,myogiryu,takayasu e il redivivo takekaze classe “79(11-4 da M-4..!!), in ultimo il giovanissimo ichinojo con la sua apparizione vincente tra i makuuchi ed il 13-2 finale tra i juryu sconfitto,sebbene per due volte,solo dal forte tochionoshin(ormai tornato ai suoi livelli),in futuro ho idea si farà sentire e parecchio.
    nel complesso un bel torneo che tra le altre cose ci ha mostrato seppur di misura l’ MK del fortissimo osunaarashi il quale per quanto vincente di ben due yokozuna e dopo averne impegnato un terzo quasi allo spasimo(e qui si parla di hakuho), é tuttavia finito 7-8.
    segno che al di là dei numeri finali i divari nn si dovrebbero dare così per scontati?

    31 luglio 2014
    • MarcoMiceli said:

      Grazie dei complimenti, Alf!
      Mi associo ai tuoi elogi, in particolare nei confronti di Takayasu che, dopo aver molto deluso l’anno scorso al suo debutto fra i Sanyaku, sembra aver ritrovato la retta via, conquistando un meritatissimo Kanto-sho.
      Ichinojo ha classe da vendere ed ha un’arma in piu’ rispetto ai suoi avversari: e’ mongolo! Takayasu sta bruciando le tappe e dara’ fastidio a molti makuuchi blasonati nella seconda meta’ dell’anno.
      Chiudo con una postilla su Tatsu, ex-giovane ex-promessa nipponica: Il ragazzo (ha appena compiuto 20 anni) e’ lontano parente dello yokozuna Wajima ed ha debuttato al Natsu basho di 4 anni fa circondato da un battage mediatico che lo pronosticava come futuro yokozuna e simbolo della rinascita giapponese. Tatsu non si e’ dimostrato all’altezza delle spropositate aspettative ed ha arrancato fra i makushita per quasi 3 anni. Adesso, da Ms7, ha conquistato un dignitoso 5-2, ma ha perso l’occasione di raggiungere i Juryo perdendo il decisivo incontro finale…speriamo possa rifarsi a settembre

      31 luglio 2014
  2. alf said:

    pensa un pò!non lo avevo notato nei miei ‘contrrollini’ tra nelle categorie inferiori(in genere cerco i risultati di takanoyama anche se ultimamente mi è scomparso dai tabellini e cmq mi capita di trovare diversi personaggi sul notevole).
    vabbè è cmq ancora molto giovane e poi in effetti, è mongolo!!
    in generale mi sento ancora di sostenere che i machuuchi sono veramente molto molto forti e dotati di ogni abilità fin nei ranghi più bassi e questo rende la selezione per accedervi veramente improba al di là di ogni illusione.
    in più sono infarciti di questa specie di incredibile razza superterrestre mongola che ormai domina in lungo e in largo da più di un decennio e che tra le altre cose vede questi ben tre yokozuna attuali appartenergli,ma anche negl’altri ranghi sono difficili da scalzare,anzi!secondo me potenzialmente tutti possono battere tutti,yokozuna compresi!è sufficente nn essere al 100% e chiunque rischia molto.figuriamoci un giovane new entry.vediamo lo stesso endo quanto stenti..per quanto tenace!.per nn parlare dei vari gagamaru,osunaarashi,ikioy,miyogiryu ecc.
    stenta e nn poco lo stesso ormai 28nne goeido per conquistare questo rango di ozeki(anche se finalmente pare ce l’abbia fatta), nonostante la fuoriuscita di personaggi come baruto,kotooshu e un pò fa gli stessi chiyotaikai e kotomitsuki..

    31 luglio 2014

Comments are closed.