Kakuryu vince ad Osaka e vede la tsuna

Kakuryu è riuscito nell’impresa di bettere Hakuho ed Harumafuji, vincere lo yusho e raggiungere l’obiettivo che gli era stato richiesto dal Kyokai per la promozione a Yokozuna. Kakuryu ha battuto nettamente Kotoshogiku ed ha chiuso con un perentorio 14-1 che non lascia margini di discussione sul suo diritto alla promozione, avendo disputato un Torneo quasi perfetto ed avendo risposto immediatamente alla chiamata del Kyokai.
Kakuryu ha espresso un sumo dinamico e molto solido, dimostrando una grande maturazione complessiva e manifestando una concentrazione degna di uno Yokozuna.

https://www.youtube.com/watch?v=eQp50S8E8pE

Aggiungo anche l’interessante articolo tratto da The Asahi Shinbum che descrive l’avvio al sumo di Kakuryu:

http://ajw.asahi.com/article/sports/sumo/AJ201403230025

 

3 Comments

  1. MarcoMiceli said:

    Kakuryu ha disputato un ottimo torneo e, a parte il piccolo passo falso iniziale, ha dimostrato di essere capace di resistere alla pressione e di saper dare il massimo nei momenti più importanti, dote tutt’altro che comune nel banzuke attuale.
    Mi permetto però di aggiungere un commento fuori dal coro, una piccola provocazione: secondo me Kakuryu non ha affatto la stoffa dello yokozuna.
    La sua promozione (meritatissima) è solo una chiara dimostrazione del pessimo livello attuale dei lottatori. In un panorama così sconfortante, anche un rikishi come Kakuryu (un buon ozeki, ma nulla più, a mio modesto parere) può legittimamente fregiarsi della tsuna e priomeggiare sui mediocri.
    Non è un caso che la sua ascesa sia coincisa con gli addii di Baruto e Kotooshu e con il definitivo ridimensionamento di Kisenosato. Kakuryu non possiede la potenza di Hakuho né la tecnica di Haruma e Immagino che i prossimi tornei mostreranno il netto divario che c’è fra i due yokozuna anziani e lo shin-yokozuna.

    La promozione di Kakuryu, comunque, suggella definitivamente la superiorità mongola e mostra come i discendenti di Gengis Khan possano proiettare ancora a lungo la loro ombra sul sol levante.

    24 marzo 2014
  2. Pierfranco Spaziani said:

    Che il livello generale non sia esaltante, come diciamo da anni, è cosa che condivido in pieno, oltre al fatto che tra gli ultimi Yokozuna Kakuryu sia complessivamente il più debole. Secondo me, come ho scritto, è molto solido ed è migliorato tantissimo sul piano del dinamismo, ma convengo sull’assenza di classe assoluta. Forse, ne converrai, siamo stati abituati troppo bene con Asashoryu, Hakuho ed Harumafuji, per non dire dei precedenti, ed anche gli ex-Ozeki giapponesi erano decisamente più forti degli ultimi arrivati. Kaio, Tochiazuma, Chyiotaikai, Musoyama e Kotomitsuki vincevano uno yusho a stagione, più o meno. Dobbiamo accontertarci e sperare che il 71° Yokozuna si mostri degno del rango e ripeta le prestazioni degli ultimi due Tornei.
    Allego l’articolo apparso su The Japan Times con le deliberazioni dello YDC, che saranno adottate dal Kyokai entro la settimana.

    http://www.japantimes.co.jp/sports/2014/03/24/sumo/yokozuna-council-recommends-kakuryu-for-promotion/

    25 marzo 2014

Comments are closed.